Home ›› Blog ›› A cosa serve un sito web?

A cosa serve un sito web?

(Nell'era dei social network)

"Non mi serve un sito internet, ho la pagina facebook" è il pensiero di molti piccoli artigiani, professionisti, imprese locali o piccole aziende. In realtà questo è un pensiero piuttosto diffuso, ma spesso chi sottovaluta l'importanza di un sito lo fa perchè non conosce a fondo tutte le problematiche coinvolte o semplicemente perchè ha avuto qualche brutta esperienza in passato con siti internet non adeguati alle proprie esigenze e magari anche troppo costosi.

 

Vediamo di fare un po' di chiarezza, rispondendo alla domanda iniziale: a cosa serve un sito web? Ad esser presenti su internet, comunicare la propria esistenza, farsi trovare da potenziali clienti. Questa diciamo è la funzione principale della maggior parte dei piccoli siti aziendali, di artigiani e professionisti.

Una volta c'erano le pagine gialle... ve le ricordate ancora quelle stampate?. Un'azienda doveva esserci se voleva farsi trovare da chi la stava cercando. Era piuttosto semplice. Se facevi l'idraulico ti abbonavi alle pagine gialle così il tuo numero compariva insieme a quello di tutti gli altri idraulici della provincia e quando a qualcuno si allagava il bagno, prendeva quel volumone giallo e cercava un idraulico da chiamare.

Oggi, chiunque si ritrovi il bagno allagato prende in mano il suo smartphone e fa esattamente la stessa cosa che avrebbe fatto 30 anni fa: cerca un idraulico. La differenza è che oggi lo cerca su google.

Fino a qui tutti sono d'accordo.
Il punto su cui molti non concordano è sull'utilità di un sito internet... nell'era dei social network.
Sempre più aziende di piccole dimensioni, artigiani e professionisti, tendono oggi ad avere le idee un po' confuse sulla loro presenza online.

Molte volte mi è capitato di sentire l'affermazione: "Non mi serve un sito internet, ho la pagina facebook". Beh, permettetemi di evidenziare almeno 3 argomenti su cui riflettere.

Pagina Facebook Vs Sito web: 3 cose su cui riflettere

N.1 Non tutti sono su Facebook: la questione fondamentale è che, nonostante qualcuno la pensi diversamente, facebook non è il web e non tutti hanno un account facebook. Se la vostra azienda si trova solo su facebook escludete inevitabilmente una buona parte di potenziali clienti che per un motivo o per un altro rifiutano di crearsi un account sul social.

N.2 La tua pagina è su Facebook e potrebbe non essere per sempre. Spesso si tende a dimenticare o tralasciare questo aspetto ma è importante tenere a mente che una pagina facebook si appoggia ad una piattaforma di terze parti e Facebook ha diritto di censura e rimozione. Naturalmente si tratta di ipotesi piuttosto remote ma succede che delle pagine vengano chiuse o post rimossi, ed è veramente difficile appellarsi.  Un altro aspetto da considerare è che Facebook potrebbe anche chiudere, un giorno. Certo oggi la scomparsa di Facebook non sembra uno scenario plausibile, almeno non a breve termine, ma vent'anni fa c'era My Space e molti pensavano che ci sarebbe stato per sempre. I social network sono per definizione in continua evoluzione. Siete sicuri che non sia il caso di avere anche un piano B?

N.3 Sicuro che sia così facile trovarti tramite Facebook? Nei risultati di ricerca di google, i post di facebook difficilmente raggiungono i primi posti. Certo i tuoi clienti potrebbero aprire facebook e fare una ricerca direttamente lì per trovarti, ma non è detto che sia semplice far emergere la tua pagina o i tuoi post di facebook fra quelli dei tuoi concorrenti.

D'altro canto chi sostiene che una pagina Facebook può sostituire il sito internet aziendale può obiettare che a fronte di questi difetti c'è a favore di Facebook che è gratis.
Tralasciando che una pagina facebook per essere messa a punto come si deve, necessita comunque del tempo... quanto pensate che possa costare un piccolo sito, al limite costituito di una sola pagina, con tutte le informazioni essenziali sulla vostra attività come telefono, contatti, mappa, indirizzo, servizi offerti, orari di apertura. Probabilmente non molto di più di quanto costava un tempo esser presenti su pagine gialle, per tornare al nostro esempio iniziale. Solo che per esser presenti sull'elenco cartaceo si doveva pagare ogni anno, un sito è un costo un costo una tantum. Una volta fatto il sito ogni anno dovrete solo preoccuparvi di rinnovare nome a dominio e hosting con poche decine di euro l'anno.
Certo ci sono spese aggiuntive a cui può andare incontro chi ha un sito internet come l'advertising, il Seo, gli aggiornamenti per stare al passo con i tempi, ma anche una pagina facebook può averne necessità.

Meglio un sito internet di una pagina facebook?

No, il punto non è questo.
In realtà la domanda, comunque la si ponga, è sbagliata perchè parte dal presupposto che sito internet e pagina facebook siano intercambiabili. Non è così. Sito web e Pagina Facebook sono due diversi strumenti di comunicazione che fanno parte di un sistema sinergico.

Il compito del sito è dare tutte le informazioni fondamentali sull'azienda in modo chiaro, preciso, veloce, completo. Naturalmente il sito deve anche contenere i rimandi ai canali social che l'azienda dovrebbe utilizzare per mantenersi in contatto con i clienti (anche quelli potenziali), instaurando un dialogo più informale, immediato, veloce.

Sito internet e social devono far parte insieme di una strategia digitale ampia ed articolata.
Come sempre il focus non può essere sul mezzo, ma sul messaggio. Una volta che il messaggio diviene il centro dell' universo comunicativo, siti web, social network, brochure e video diventano tutti strumenti integrati che lavorano insieme per far arrivare quel messaggio a chi lo deve recepire. 



LEGGI ANCHE

Come portare un Blog in prima pagina su google

Il Blog, se fatto bene, è molto più che un modo per condividere idee e riflessioni. Il Blog è ancora oggi uno degli strumenti più validi per generare traffico verso un ecommerce o per guadagnare tramite l'Advertising o l'affiliate marketing. Affinchè un Blog sia redditizio, tuttavia, esso deve generare traffico e per farlo deve posizionarsi in testa alle SERP di google. Già, ma come fare?

Non ci sono ricette magiche o formule astratte per posizionarsi in prima posizione nelle ricerche organiche (non a pagamento) in un giorno. 
Esiste invece del lavoro da fare, con continuità e un po' di fatica, per arrivarci in un tempo un po' più lungo.

Oggi vi parliamo di questo lavoro con un caso concreto.

SEO e ottimizzazione del sito internet

C'è una battuta simpatica che gira sulla rete fra gli addetti ai lavori.
Qual'è il posto migliore per nascondere un cadavere e compiere il delitto perfetto? La seconda pagina dei risultati di google!

Google Adwords

Una guida veramente basic con tutto quello che ogni proprietario di un sito internet dovrebbe sapere di AdWords.

Per gli addetti ai lavori, web designer, web developper, seo specialist e chi più ne ha più ne metta, sembra impossibile che un proprietario di un sito internet non conosca Google Ads, eppure molto spesso nel mio lavoro mi rendo conto che è così.
Invece Google Ads è un servizio che tutti coloro che hanno un sito internet dovrebbero conoscere abbastanza bene, non dico che tutti debbano usarlo, ma almeno conoscerlo è imprescindibile. Ecco perchè ho scritto questa breve guida a Google Ads.

GDPR e siti internet

Dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation) e relativo alla protezione delle persone fisiche in materia di trattamento e libera circolazione dei dati personali.

Indicizzazione e posizionamento dei siti internet

L'indicizzazione di un sito internet è in grado di determinarne il successo o l'oblio nella rete, per questo il lavoro sul posizionamento è alla base del Web Marketing

Accessibilità dei siti internet ai disabili

L'accessibilità è la caratteristica di un dispositivo, di un servizio o di una risorsa d'essere fruibile con facilità da una qualsiasi tipologia d'utente, incluse persone con ridotta o impedita capacità sensoriale, motoria, o psichica, di fruire dei sistemi informatici e delle risorse a disposizione tipicamente attraverso l'uso di tecnologie assistive o tramite il rispetto di requisiti di accessibilità dei prodotti.

La Pubblica Amministrazione in rete

Ormai quasi tutti gli enti pubblici hanno un sito internet ma quelli che attraverso la rete offrono servizi concreti ai cittadini sono ancora solo una felice eccezione.
Il motivo è che non sempre a monte dei progetti c'è una riflessione adeguata sulle ragioni che dovrebbero spingere un'istituzione a pubblicare un sito, venendo così a mancare l'adeguata considerazione del progetto da parte dell'ufficio che si fa promotore del progetto (solitamente l'ufficio relazioni con il pubblico)

La sfida raccolta dalla comunicazione pubblica oggi, riguarda la capacità di realizzare luoghi, iniziative, professioni, finalizzate ad attivare processi di confronto, di relazione e di scambio fra le istituzioni e i cittadini.
Per vincerla è necessario che la fondamentale acquisizione che oggi l’informazione diventa risorsa primaria, entri in tutti gli uffici pubblici.
Solo così è possibile valorizzare il ruolo e le potenzialità della comunicazione pubblica: dare impulso, trasparenza, comprensione e condivisione alla stessa azione amministrativa. [...].

La comunicazione

La comunicazione è per gli esseri umani ciò che l'acqua è per i pesci: ci viviamo immersi, pur senza esserne consapevoli.

Non possiamo non comunicare

Anche il silenzio ha un significato. Non essere presente sui social, non avere un sito, sono scelte che hanno valore di un messaggio. Sicuro di voler comunicare che non sei interessato a dialogare con chi ti sta cercando?

Usabilità, ovvero quando il web design non è solo bello

Un'interfaccia ben fatta è quella che non richiede di essere spiegata.

Lezioni americane

Leggerezza, rapidità, esattezza, visibilità, molteplicità, coerenza … in realtà l'usabilità non sembra aver fatto grandi scoperte!

Cookie Law

Navigando in rete, già da qualche mese, vi sarà capitato di imbattervi sempre più spesso in banner che riportano diciture del tipo "Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori (leggi l'informativa estesa). Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso".
Questo perché il prossimo 2 giugno 2015 diventerà operativo il provvedimento del Garante della privacy in materia di cookie (n.229/2014)" Modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie", recependo una normativa Europea (Cookie Law).