Home ›› Blog ›› Google Adwords

Google Adwords

Quanto costa e come funziona

Una guida veramente basic con tutto quello che ogni proprietario di un sito internet dovrebbe sapere di AdWords.

Per gli addetti ai lavori, web designer, web developper, seo specialist e chi più ne ha più ne metta, sembra impossibile che un proprietario di un sito internet non conosca Google Ads, eppure molto spesso nel mio lavoro mi rendo conto che è così.
Invece Google Ads è un servizio che tutti coloro che hanno un sito internet dovrebbero conoscere abbastanza bene, non dico che tutti debbano usarlo, ma almeno conoscerlo è imprescindibile. Ecco perchè ho scritto questa breve guida a Google Ads.

Domanda del Cliente: Perchè questo sito è prima del mio su google?
Risposta mia: Perchè quello è un risultato di Google Ads! 
Domanda del Cliente: cioè?
A questo punto in genere arriva la mia spiegazione al cliente di turno sui risultati di google (organici e non) e su come funziona AdWords, o meglio Google Ads come si chiama adesso.

Questa breve guida è praticamente la trascrizione di queste chiaccherate abituali su Google Ads. Non si tratta di una guida a Google Advertising per addetti ai lavori, nè tantomeno un manuale per imparare ad usare Google Advertising, ma semplicemente un piccolo vademecuum per tutti i proprietari o futuri tali di un sito internet che qui troveranno i concetti di base di Google Ads sulla falsariga della chiaccherata che facciamo abitualmente con i nostri clienti quando cerchiamo di spiegare con il linguaggio più semplice possibile e nel modo più pratico e conciso possibile cos'è Google Ads, quanto può costare e magari anche quando utilizzarlo.

Cos'è Google Ads

Cominciamo con dire che Google Ads altro non è che il nuovo nome di Google AdWords.
Google Ads o AdWords è una piattaforma pubblicitaria di Google che permette di pubblicare annunci pubblicitari in diverse forme sulla rete di ricerca di Google, sulla rete display (banner) su siti di google e siti partner, e su Youtube.

In questo articolo lasceremo da parte pubblicità display e varie, per concentrarci sugli annunci nella rete di ricerca di google e per farlo vediamo come si presenta una qualsiasi pagina di risultati di ricerca di google, per una parola di ricerca comune come Stampa Foto.

L'elenco dei risultati che google ci restituisce quando effettuiamo una ricerca è chiamato SERP acronimo di Search Engine Result Page. Questo elenco è composto da moltissime pagine di risultati, ma come ahimè sappiamo bene, solo la prima pagina conta perchè pochi utenti hanno il tempo o la pazienza di andare oltre pagina 1. 

La foto qui sopra mostra proprio la prima pagina dei risultati ottenuti cercando "stampa foto".
Come si può vedere i primi 4 risultati sono annunci e lo stesso vale per i risultati nella colonna di destra. Sotto i primi 4 risultati compaiono 10 risultati di ricerca organici (cioè non a pagamento) che google stima come la miglior risposta alla nostra ricerca. Infine ci sono i risultati su mappa (non necessariamente a fondo pagina, ma secondo la ricerca anche in primo piano) che mostrano attività rispondenti alla ricerca nelle immediate vicinanze (stabilite grazie alla geolocalizzazione). 
Gli annunci a pagamento si presentano in modo analogo agli altri risultati, sebbene si trovino in aree specifiche della pagina esono contrassegnati come annunci... motivo per cui molti utenti google, ancora oggi, non hanno idea della differenza fra risultati organici ed annunci a pagamento.

Come si può ben capire quindi ci sono 2 modi per apparire in prima pagina su google nella ricerca di un utente che cerca Stampa Foto:

1. Con il posizionamento organico del sito (guardando chi sono i siti presenti capirete subito che non è facile sconfiggere colossi di quella portata)

2. Pagando per gli annunci di ricerca attraverso Google Ads.

Già pagando per gli annunci... a questo punto la domanda sorge spontanea: ma quanto costa google Ads? 

Risposta: dipende

Per capire quanto può costare un annuncio google Ads dobbiamo approfondire un po' il discorso sul suo funzionamento e capire quali fattori e variabili influenzano il costo di una campagna 

Quanto costa Google Ads

Google AdWords non è un servizio ad abbonamento. Non ha un canone mensile fisso. Non è possibile sottoscrivere un abbonamento per 100€ al mese per comprarsi la posizione n.2 a vita... il sistema è un po' più complicato di così.

Se voglio accaparrarmi una delle prime 4 posizioni di una pagina di risultati di google dovrò iscrivermi ad AdWords, creare degli annunci, settare vari parametri e naturalmente scegliere delle parole chiave che faranno attivare il mio annuncio.

L'inserzionista non paga per mostrare un annuncio ma paga soltanto se un utente fa click su quell'annuncio. Cioè il sistema di annunci di ricerca di google si basa sul concetto di pay per click a differenza di altri sistemi che si basano ad esempio sulle visualizzazioni.

Domanda: e quanto costa un click?

Risposta: tanto per cambiare... dipende!.

Il dipende è dato dal fatto che il costo per click non è un valore fisso ma è una variabile che può oscillare da pochissimi centesimi fino a diversi euro, influenzata principalmente da due fattori (più altri minoritari che tralasciamo): 

1. Competitività della keywords
Quanti altri competitor vogliono accaparrarsi la prima posizione per quella parola chiave? Più una parola chiave è competitiva più dovrò spendere per superare la concorrenza.

2. Tetto di spesa dell'inserzionista
Quanto sono disposto a spendere al massimo per ogni clic? E qual'è il mio budget giornaliero. 

Google Ads funziona come un'asta dove tutti gli inserzionisti si contendono la miglior posizione per una determinata parola chiave. Chi è disposto a pagare di più si aggiudica la posizione migliore.

In realtà questa è davvero una semplificazione eccessiva perchè ci sono molti altri fattori da tener presenti, primo fra tutti il budget giornaliero. Il budget giornaliero è il tetto massimo di spesa che ogni inserzionista può stabilire per i suoi annunci ed è flessibile. Al raggiungimento del budget google non mostrerà più gli annunci in modo che non accumulino ulteriori click. 

Facciamo un esempio. 
Ho creato un annuncio per il mio sito di stampe fotografiche e voglio posizionarmi con la parola chiave "stampa foto". Se questa keywords costa 10 cent. x clic ed il mio budget giornaliero è di 5€, riceverò 50 click. Tuttavia se ci sono 5 miei competitor disposti a pagare di più avrò minori chance di mostrare il mio annuncio perchè le posizioni non sono sufficienti per tutti! 

E' chiaro che in un settore poco concorrenziale sarà sufficiente spendere pochi euro al giorno per ottenere buoni risultati, mentre in settori altamente competitivi sono necessarie parecchie decine di euro per avere dei risultati. 

Ma, a differenza di quel che potrebbe sembrare fin qui, non si riduce tutto al numero di click ed al budget. Per ottenere il massimo da una campagna Google Ads è necessario lavorare sulla sua ottimizzazione, scegliere con cura le parole chiave evitando ad esempio quelle troppo generiche e che rischiano di esser troppo costose e scegliendo invece quelle che possano portarci utenti realmente inseressati ai nostri prodotti o servizi. Ma non solo. Si possono scegliere parole chiave da escludere, è possibile decidere dove vogliamo che i nostri annunci vengano visualizzati, in quali ore del giorno, da quali dispositivi e così via. 

Pianificazione e misurazione dei risultati

Per concludere un cenno a due aspetti fondamentali di Google Ads: pianificazione e misurazione dei risultati. In entrambi i casi è Google stesso a venirci in aiuto con vari strumenti. 

Lo strumenti di pianificazione delle parole chiave, ad esempio, fornisce previsioni piuttosto accurate sul costo delle parole chiave e sui click previsti in relazione ad un budget.

La misurazione dei risultati avviene invece impostando degli obiettivi per la nostra campagna (es. telefonate al punto vendita, contatti dal sito, vendite di prodotti ecc.) Tracciare con cura gli obiettivi permette sia di valutare con precisione i costi che di ottimizzare la campagna facendo sì che le parole chiave e gli annunci che conducono a risultati migliori vengano visualizzati più spesso.   

 

Vorresti approfondire ancora l'argomento? O magari avere un preventivo? Contattaci. 



LEGGI ANCHE

Come portare un Blog in prima pagina su google

Il Blog, se fatto bene, è molto più che un modo per condividere idee e riflessioni. Il Blog è ancora oggi uno degli strumenti più validi per generare traffico verso un ecommerce o per guadagnare tramite l'Advertising o l'affiliate marketing. Affinchè un Blog sia redditizio, tuttavia, esso deve generare traffico e per farlo deve posizionarsi in testa alle SERP di google. Già, ma come fare?

Non ci sono ricette magiche o formule astratte per posizionarsi in prima posizione nelle ricerche organiche (non a pagamento) in un giorno. 
Esiste invece del lavoro da fare, con continuità e un po' di fatica, per arrivarci in un tempo un po' più lungo.

Oggi vi parliamo di questo lavoro con un caso concreto.

SEO e ottimizzazione del sito internet

C'è una battuta simpatica che gira sulla rete fra gli addetti ai lavori.
Qual'è il posto migliore per nascondere un cadavere e compiere il delitto perfetto? La seconda pagina dei risultati di google!

A cosa serve un sito web?

"Non mi serve un sito internet, ho la pagina facebook" è il pensiero di molti piccoli artigiani, professionisti, imprese locali o piccole aziende. In realtà questo è un pensiero piuttosto diffuso, ma spesso chi sottovaluta l'importanza di un sito lo fa perchè non conosce a fondo tutte le problematiche coinvolte o semplicemente perchè ha avuto qualche brutta esperienza in passato con siti internet non adeguati alle proprie esigenze e magari anche troppo costosi.

 

GDPR e siti internet

Dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation) e relativo alla protezione delle persone fisiche in materia di trattamento e libera circolazione dei dati personali.

Indicizzazione e posizionamento dei siti internet

L'indicizzazione di un sito internet è in grado di determinarne il successo o l'oblio nella rete, per questo il lavoro sul posizionamento è alla base del Web Marketing

Accessibilità dei siti internet ai disabili

L'accessibilità è la caratteristica di un dispositivo, di un servizio o di una risorsa d'essere fruibile con facilità da una qualsiasi tipologia d'utente, incluse persone con ridotta o impedita capacità sensoriale, motoria, o psichica, di fruire dei sistemi informatici e delle risorse a disposizione tipicamente attraverso l'uso di tecnologie assistive o tramite il rispetto di requisiti di accessibilità dei prodotti.

La Pubblica Amministrazione in rete

Ormai quasi tutti gli enti pubblici hanno un sito internet ma quelli che attraverso la rete offrono servizi concreti ai cittadini sono ancora solo una felice eccezione.
Il motivo è che non sempre a monte dei progetti c'è una riflessione adeguata sulle ragioni che dovrebbero spingere un'istituzione a pubblicare un sito, venendo così a mancare l'adeguata considerazione del progetto da parte dell'ufficio che si fa promotore del progetto (solitamente l'ufficio relazioni con il pubblico)

La sfida raccolta dalla comunicazione pubblica oggi, riguarda la capacità di realizzare luoghi, iniziative, professioni, finalizzate ad attivare processi di confronto, di relazione e di scambio fra le istituzioni e i cittadini.
Per vincerla è necessario che la fondamentale acquisizione che oggi l’informazione diventa risorsa primaria, entri in tutti gli uffici pubblici.
Solo così è possibile valorizzare il ruolo e le potenzialità della comunicazione pubblica: dare impulso, trasparenza, comprensione e condivisione alla stessa azione amministrativa. [...].

La comunicazione

La comunicazione è per gli esseri umani ciò che l'acqua è per i pesci: ci viviamo immersi, pur senza esserne consapevoli.

Non possiamo non comunicare

Anche il silenzio ha un significato. Non essere presente sui social, non avere un sito, sono scelte che hanno valore di un messaggio. Sicuro di voler comunicare che non sei interessato a dialogare con chi ti sta cercando?

Usabilità, ovvero quando il web design non è solo bello

Un'interfaccia ben fatta è quella che non richiede di essere spiegata.

Lezioni americane

Leggerezza, rapidità, esattezza, visibilità, molteplicità, coerenza … in realtà l'usabilità non sembra aver fatto grandi scoperte!

Cookie Law

Navigando in rete, già da qualche mese, vi sarà capitato di imbattervi sempre più spesso in banner che riportano diciture del tipo "Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori (leggi l'informativa estesa). Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso".
Questo perché il prossimo 2 giugno 2015 diventerà operativo il provvedimento del Garante della privacy in materia di cookie (n.229/2014)" Modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie", recependo una normativa Europea (Cookie Law).